dal 17 al 19 aprile

 

I Giullari e Compagnia dei Dieci

 

IL BERRETTO A SONAGLI

di  Luigi Pirandello

 

                                            

con

 

Salvatore Barba

Mariella Avellone

Gennaro Talamo

Domenico Carbone

Sina Gagliardi

Liliana Izzo

Lidia Salerno

Luisanna Taranto

 

 

Scene                      

Marco Antignani

 

Costumi                

Artinà

 

Progetto e regia

Enzo Arciè

 

Il berretto a sonagli ebbe il suo primo debuttò, in lingua italiana, a Roma il 15 dicembre 1923 prendendo spunto da due novelle dello stesso autore, La verità e Certi obblighi del 1912. Il titolo si riferisce al berretto portato dal buffone, il copricapo della vergogna ostentato davanti a tutti. Il berretto a sonagli riconferma la visione pirandelliana dell’uomo che, aggrovigliato inesorabilmente nel filo delle convenzioni, diventa “pupo”. La società costringe gli individui ad apparire rispettabili, obbedendo a precisi codici di comportamento, purché si salvino le apparenze. L’apparire conta più dell’essere.

La vicenda, ambientata in una cittadina della Campania nel primo novecento, tratta di adulterio. La signora Beatrice Fiorìca, moglie di un notabile del luogo, vuole cogliere in flagrante il marito sospettato di avere una tresca amorosa con la giovane moglie dello scrivano Ciampa, suo impiegato. La signora Beatrice riesce nell’intento di smascherare i due amanti ed è subito scandalo. Per la donna tradita la vendetta sarebbe di fatto compiuta, ma per il povero Ciampa l’onore è compromesso. Soltanto uccidendo gli adulteri, lo scrivano potrà riacquistare la rispettabilità ma a questa soluzione, così scontata in una trama veristica, Pirandello ne contrappone una diversa e perfettamente aderente ai suoi temi, proponendoci un finale a sorpresa.

Un allestimento questo di Enzo Arciè che  mira allo scavo dello scontro dialogico rendendo ancor più grottesca e acremente comica, la “scordatura” delle tre “corde” che regolano l’uomo pirandelliano: la seria, la pazza, la civile. Un allestimento, che, attraverso ritmi incalzanti e momenti di alta poesia, si propone di restituirci il testo pirandelliano nella sua autentica bellezza e affascinante complessità.


Calendario spettacoli:

Turno Rubino (venerdì 17/4 ore 21); Turno Corallo (sabato 18/04 ore 18); Turno Smeraldo (sabato 18/4 ore 21); Turno Diamante (Domenica 19/4 ore 18)

 

PRENOTA ONLINE SU:

 http://www.azzurroservice.net/biglietti/after-la-tempesta/#.VCVWZZR_uEw

OPPURE

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.  o al 342 8306707

Teatro Il Primo - Il salotto della Prosa a Napoli - Tutti i materiali sono da considerarsi coperti dai diritti d'autore